martedì 21 maggio 2013

Un nuovo blog.

Non sono molto afferrata con le presentazioni, non che non sappia presentarmi o dire qualcosa su di me, ma perché non riesco a strutturare una esposizione lineare con uno schema logico.
In altre parole, perdo spesso il filo del discorso.

Come avrete notato, non sono nuova sulla Blogosfera, avevo creato un altro blog precedentemente, anche se ora l'ho eliminato, in quanto non mi piaceva. Ho deciso di aprirne uno nuovo.
Non mi soffermerò sulle questioni che mi hanno spinta a cominciare un nuovo capitolo, dirò solo ciò che, in teoria, vorrei fare di questo nuovo portale.

Bisogna, però, fare un passo indietro. Non credo che mi conosciate.
Il mondo reale è grande, la Blogosfera lo è ancora di più!
Esistono, infatti, moltissimi blog interessanti che catturano la nostra attenzione ogni giorno, ma solo pochi di essi riescono a prenderci sul serio e farci esclamare: "Perbacco, è geniale!"
E il mio, forse, passerà inosservato, sia a causa della grafica essenziale che per la sua condizione spoglia. Eppure sentivo la necessità di innestare questo flusso di pensiero e aprire ufficialmente le porte di questo mio piccolo angolo.
Sono Liusca, una comune ragazza di 18 anni compiuti, che non vede l'ora di dire la propria sul mondo dell'editoria e sulla letteratura contemporanea (perché no?), per quanto siano limitate le mie conoscenze.
Ho trascorso due anni sul forum Writer's Dream, dove ho conosciuto persone fantastiche senza le quali non so dove sarei ora. Ho "incontrato" persone reali che mi hanno guidata alla scoperta di una realtà mesta e cupa, piene di insidie, in cui non sempre sono le persone meritevoli a emergere con successo.
Tuttavia su quel forum ho compreso che è difficile trovare un editore ben intenzionato a pubblicare le tue opere, ma non impossibile quando entrano in gioco la costanza, il desiderio di migliorarsi e mettersi in dubbio. Tant'è che una giovane ragazza poco più grande di me è riuscita a esordire con una casa editrice, che sembrava quasi irraggiungibile per comuni mortali. Parlo di Agave, Gisella Laterza, che ha appena pubblicato il suo romanzo d'esordio "Di me diranno che ho ucciso un angelo".
Sinceramente, non abbiamo stretto un forte legame. (Ci sono molti bravi scrittori nel WD e quando parlo di bravi scrittori non mi includo nel discorso, perché ho ancora tanto da imparare.)
Dicevo, il WD è grande ed è difficile incrociarsi nelle varie discussioni, soprattutto quando si tratta di una utente come me che non riesce ad allacciare i rapporti con tutti. Magari, l'ho intravista qualche volta, però non abbiamo mai conversato direttamente.
Fatto questo preambolo, volevo dire che Agave rappresenta il simbolo del sogno di una vita che si realizza. Una dimostrazione che, nonostante tutto, nella vita il lieto fine esiste.
E sono veramente contenta per lei.
Ecco, lo sapevo, sono andata fuori traccia. Questa digressione non ci doveva essere.
Dicevo, partecipo al WD e sono stata appena promossa alla teoria della patente!

Termino qui con questa lunga presentazione/ non presentazione.
Ci vediamo presto per un articolo più approfondito e più inerente al mio progetto.
Baci, Liusca.

6 commenti:

  1. Ho trovato questo post solo ora e posso dirti che... mi hai commossa. E che ti auguro sogni scrittevoli più belli e più grandi del mio.
    In bocca al lupo per tutti i tuoi progetti!
    Gisella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille =D
      In bocca al lupo anche a te!

      Elimina
  2. :) Non sei l'unica a faticare con le presentazioni, io spesso ci rinuncio a priori!
    Un grandissimo in bocca al lupo per questo nuovo blog, sarà un piacere leggerti!
    Kiss

    RispondiElimina
  3. La tua presentazione mi ha incuriosita, in un blog la grafica è importante ma non fondamentale. Ad avere importanza sono le parole e i messaggi che vogliamo trasmettere. In bocca al lupo per i tuoi progetti:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille =)
      Sono un po' negata con la grafica, ma cercherò di migliorare!

      Elimina