martedì 11 giugno 2013

Esercizio di stile #1 - La scatola rossa

Buongiorno, oggi vi presento una nuova rubrica, dove inserirò alcuni frammenti che ho scritto per affilare il mio stile. Non avrà un appuntamento fisso, ma dipenderà naturalmente dalla mia "vena creativa". Spero vi possa piacere e di ricevere tante critiche costruttive. =D

Non poteva sprecare altro tempo, sarebbe arrivato tardi e avrebbe perso il treno. Eppure quella scatola rossa non smetteva di attirare la sua attenzione. Posta sopra l'armadio, lì, in alto, pareva controllare ogni suo movimento. Si sentiva osservato. Mentre sistemava la camicia, il suo sguardo era concentrato. Studiava quel solido insignificante. Si domandava cosa la rendesse tanto attraente. Intrecciava i lacci delle scarpe. 
La scatola era ancora lì, sul punto di accasciarsi sulla moquette da un momento all'altro. Se fosse caduta, il suo contenuto si sarebbe disseminato sul pavimento. La stanza sarebbe tornata nel disordine iniziale. L'orologio ticchettava, riempiendo il tedioso silenzio. Il suo cuore batteva all'impazzata. Quel cartone rosso non doveva trovarsi lì. Doveva essere insieme agli altri imballaggi. Cos'aveva di tanto speciale, da meritarsi il posto più in alto del suo monolocale? Cosa nascondeva? 
Mancavano ancora quindici minuti, non poteva esitare. Chiuse la porta dietro di sé. Le chiavi tintinnarono. Il rumore della gomma che sbatteva contro il parquet lo infastidiva, cercò di alleggerire i  propri passi. Senza successo, perché il cuore continuava a pulsare con un ritmo inaccettabile. Finalmente, quei battiti vennero sommersi dal fracasso del traffico. Il silenzio era stato rotto del tutto, non gli era mai piaciuto la via di mezzo. Quando giunse vicino alla sua auto, si fermò ad ascoltare. Una voce gridava: «Potrebbe cadere!» 
Una voce tagliente che non riusciva a ignorare. 
Cadere.
Cadere. 
Cadere. 
Diede un calcio all'aria e cominciò a correre. Arrivò con affanno. Tirò fuori le chiavi con mani tremanti. Girò due volte e spinse la porta. La scatola rossa era celata, dietro due buste verdi. 
Il treno, ormai, doveva essere partito.

Nessun commento:

Posta un commento